venerdì 31 luglio 2015

Insalata di cavolo e sgombro

A volte ritornano!

Insalata di cavolo e sgombro
Insalata di cavolo e sgombro
Venerdì: pesce e... cavolo!
Pensate sia un accostamento azzardato?
A noi è sembrato perfetto! :)
È un piatto che si prepara in un battibaleno, mentre riposa in frigo noi possiamo fare altro.
Rinfresca, perché resta al freddo per almeno un'oretta, ma soprattutto sazia senza apportare troppe calorie :)
A noi piacciono moltissimo cavoli e affini e se vi dà fastidio l'odore che rilasciano durante la cottura, vi propongo un metodo infallibile per evitare questo inconveniente. Fidatevi, funziona, potete metterci la mano sul fuoco... che resta spento :)
Eh sì, la soluzione migliore è proprio questa: nessuna cottura, basta solo tagliare il cavolo il più sottile possibile e lasciar riposare l'insalata in modo che il cavolo si ammorbidisca.
Sarà un successo! Garantito! ;)


Insalata di cavolo e sgombro

Ingredienti:
1/4 di cavolo cappuccio
150g di filetti di sgombro sott'olio
3 carote
olive verdi
maionese
origano
olio evo
sale
pepe


Tagliamo il cavolo il più sottile possibile.


Peliamo le carote, facciamole a julienne e sistemiamo il tutto in un'insalatiera.


Spezzettiamo lo sgombro e aggiungiamolo al resto.


Uniamo le olive verdi e condiamo con una spolverata di origano, un cucchiaio di maionese, un filo d'olio, sale e pepe.


Mescoliamo con delicatezza e lasciamo in frigorifero per almeno un'ora.
Trascorso questo tempo il cavolo si sarà ammorbidito e l'insalata sarà pronta per essere servita.



Bon Appétit!!
Share This:        
Read More

giovedì 30 luglio 2015

Linguine alla carbonara rivisitata con zucchine e chorizo

Nostalgia canaglia!

Linguine alla carbonara rivisitata con zucchine e chorizo
Linguine alla carbonara rivisitata con zucchine e chorizo
Ogni tanto scatta l'interruttore della nostalgia ed è in quei momenti che mi viene voglia di un piatto tipicamente italiano, uno di quei piatti che ti riportano a casa. Non so voi, ma a me ne viene in mente sempre uno: la carbonara.
Ovviamente è impossibile fare una vera e proprio carbonara qui, quindi la uso come spunto, come punto di partenza.
Devo dire che questa volta la rivisitazione mi è piaciuta non tanto, tantissimo!
Ho sostituito il guanciale con il chorizo (che ha donato un tocco aromatico alla pasta e anche un colorito rossastro, dovuto alla paprika) e il pecorino con due formaggi stagionati tipici della zona: un formaggio di capra e un formaggio misto (vacca e pecora).
Volendo poi preparare un piatto unico ho unito una zucchina.
Ecco a voi le mie:


Linguine alla carbonara rivisitata con zucchine e chorizo

Ingredienti:
200g di linguine
1 zucchina
70g di chorizo
2 uova intere
2 tuorli
formaggio stagionato di capra
formaggio stagionato misto
sale
pepe


Tagliamo la zucchina a fiammifero, in modo che non richieda una lunga cottura e prepariamo il chorizo, tagliandolo prima a fette spesse e poi dividendole in quattro parti.


Lasciamo rosolare le zucchine con un filo d'olio e


dopo qualche minuto aggiungiamo il chorizo. Continuiamo la cottura al massimo per altri 5 minuti perché il chorizo non deve cuocere troppo.


Nel frattempo prepariamo la crema con le uova e il formaggio.
In una ciotola mettiamo le uova, i tuorli, un pizzico di sale, il pepe e il formaggio grattugiato.


Non peso mai il formaggio, mi regolo con gli occhi, continuo a mescolare e ad aggiungerne finché il composto non diventa una crema densissima.


Facciamo cuocere la pasta in abbondante acqua salata e scoliamo le linguine sulla padella con le zucchine e il chorizo. Saltiamo un paio di minuti,


poi togliamo dal fuoco e versiamoci sopra la crema di uova.


Aggiungiamo dell'acqua di cottura, se necessario, e mescoliamo bene.


Impiattiamo e mangiamo subito, altrimenti la pasta si trasformerà in un ammasso appiccicoso e immangiabile o, come direbbe Barbieri, in un "mapazzone".

Linguine alla carbonara rivisitata con zucchine e chorizo


Bon Appétit!!
Share This:        
Read More

mercoledì 29 luglio 2015

Pancarré con semola di grano duro

La settimana della semola! (2)

Pancarrè con semola di grano duro
Pancarré con semola di grano duro
Le temperature sono abbastanza clementi oggi, quindi è il momento ideale per darci all'impasto... e poi il pane è finito perciò mi tocca comunque! :)
Come avrete già intuito dal titolo vi propongo una nuova ricetta con la semola.
In Francia avevo fatto il pane, ma stavolta volevo provare il pancarré, perché è decisamente più veloce da preparare e molto più versatile.
Il degustatore ufficiale, dopo il primo assaggio, ha così sentenziato:
"Buono! Sembra proprio il pane del fornaio che mangiavo da piccolo!" e lui di pane se ne intende, ne mangia in quantità sconsiderate! :)
E questo ci porta a parlare del lato negativo del suddetto pancarré, ovvero le ali: vola via in un battibaleno! :)



Pancarré con semola di grano duro

Ingredienti:
350g di acqua
600g di farina di semola
12g di olio evo
10g di sale
10g di zucchero
10g di lievito fresco


Mettiamo in una ciotola abbastanza capiente tutti gli ingredienti, facendo in modo che sale e lievito non si tocchino.


Mescoliamo finché il composto sia ben amalgamato e lavoriamo per 5-10 minuti.
Esattamente come per l'impasto della pizza, non risulterà liscio per via della granulosità della farina.
Ho notato, per caso, che, se durante la lavorazione lasciamo riposare l'impasto per qualche minuto (cause di forza maggiore: il consorte stava uscendo per andare in ufficio e toccava proprio salutarlo :)), quando lo riprendiamo, il composto risulta più sodo e amalgamato, quindi credo sia una tecnica da non sottovalutare :)


Quando avremo formato il nostro panetto, copriamo con uno strofinaccio e lasciamo lievitare fino al raddoppio, più o meno un'oretta, dipende dalla temperatura presente in casa.


Trascorso questo lasso di tempo, prendiamo l'impasto, sgonfiamolo, diamogli una forma allungata e posizioniamolo nello stampo da pancarré, rivestito di carta forno.


Copriamo sempre con lo strofinaccio finché l'impasto non oltrepassa i bordi dello stampo (anche in questo caso all'incirca un'ora).


Accendiamo il forno a 200°C e quando raggiunge la temperatura desiderata inforniamo. Abbassiamo subito a 170°-180°C e lasciamo cuocere per 40 minuti circa. A questo punto, se la parte superiore ha assunto un bel colorito dorato, facciamo la prova dello stecchino. Se esce asciutto, il pancarré è cotto.

Pancarrè con semola di grano duro

Sforniamo, lasciamo raffreddare qualche minuto e poi togliamolo dallo stampo. Io per farlo raffreddare meglio, lo capovolgo


e lascio passare almeno una mezz'oretta prima di servirlo, in modo che sia bello freddo.


Non vi fa venire voglia di un bel toast al prosciutto? :)

Bon Appétit!!
Share This:        
Read More

martedì 28 luglio 2015

Pollo arrosto con chorizo e patate

Polletto... iberico!

Pollo arrosto con chorizo e patate
Pollo arrosto con chorizo e patate
Ecco veloce veloce una nuova ricetta con il pollo.
Modifico l'intramontabile pollo e patate al forno, donandogli un tocco spagnoleggiante.
Sono venuta a conoscenza di questa ricetta qualche anno fa, guardando la tv e ora finalmente posso prepararla perché ho tutti gli ingredienti di cui ho bisogno.
La preparazione è velocissima e in meno di due ore avremmo un secondo piatto veramente da leccarsi i baffi e la casa invasa da un fantastico odorino.
C'è un solo inconveniente: alla fine avrete le dita delle mani tutte rosse, ma si sa, il chorizo ha questo piccolo difetto :)


Pollo arrosto con chorizo e patate

Ingredienti:
1/2 pollo
2 patate
1/4 di chorizo dolce
1 cipolla
origano
salvia
buccia di 1/2 limone
sale
olio evo


Tagliamo il pollo a pezzi e adagiamolo in una teglia, ricoperta di carta forno, facendo attenzione che la pelle rimanga in alto.


Peliamo e tagliamo a dadoni le patate.
Prendiamo il chorizo, facciamo delle fette abbastanza spesse e poi tagliamole a metà.
Aggiungiamo il chorizo e le patate al pollo.


Tagliamo grossolanamente la cipolla e distribuiamola sopra la carne.


Condiamo con l'origano, la salvia, la buccia grattugiata di mezzo limone, il sale e irroriamo con l'olio.


Inforniamo per un'oretta a 180°C ed è pronto.

Pollo arrosto con chorizo e patate

In fondo alla teglia si sarà formato un po' di liquido, è tutta colpa del chorizo e non è consentito non fare la scarpetta.


Non mi resta che augurarvi...
Bon Appétit!!


Share This:        
Read More

lunedì 27 luglio 2015

La Rubrica del Lunedì: Impasto per pizza con semola di grano duro

La settimana della semola!

Impasto per pizza con semola di grano duro
Impasto per pizza con semola di grano duro
L'avevo già usata in passato, ma come spesso accade quando hai tanto cose in testa, qualcosa rimase indietro.
Per caso la settimana scorsa ho scoperto un negozietto di frutta e verdura, che ha a disposizione anche altri generi alimentari. E dietro la cassa vedo questo bustone di farina... è semola! Come ho fatto a non pensarci prima?
La semola è perfetta per fare pasta, pane, focacce, dolci e pizze. Dona all'impasto un colorito dorato e lo rende croccante. È ricca di fibra alimentare, ha un elevato contenuto in proteine e apporta una notevole quantità di elementi minerali (potassio, ferro e fosforo) e di vitamine (tiamina e niacina).
Una vera bontà, credetemi. Qualsiasi cosa io abbia fatto con la semola, non ha mai deluso le aspettative.
Essendo lunedì, vi faccio vedere come ho preparato l'impasto per preparare una pizza croccante e deliziosa.


Impasto per pizza con semola di grano duro

Ingredienti:
300g di farina di semola
160g di acqua
20g di olio evo
5g di sale
5g di zucchero
12,5g di lievito fresco


In una ciotola mescoliamo tutti gli ingredienti facendo attenzione che sale e lievito non siano a diretto contatto.


Una volta che il composto è ben amalgamato, lavoriamolo per 5-10 minuti. L'impasto non risulterà liscio come quando usiamo la farina normale, ma resterà un pochino granuloso, perché la semola non ha una consistenza polverosa come la farina bianca.


Lasciamo lievitare per 3-4 ore o finché il composto non sia raddoppiato,


dopodiché stendiamo con delicatezza l'impasto su una teglia da forno, precedentemente oleata, e lasciamo lievitare di nuovo per un'oretta prima di condirla.

Impasto per pizza con semola di grano duro

Bon Appétit!!
Share This:        
Read More

sabato 25 luglio 2015

Petto di pollo alla piastra con verdure

E petto di pollo sia!

Petto di pollo alla piastra con verdure
Petto di pollo alla piastra con verdure
No,  non posso proprio dire di prediligere un tipo di carne rispetto a un altro. Purtroppo o per fortuna sono una buona forchetta e, melone e liquirizia a parte, posso dire di non aver mai disdegnato alcunché di commestibile.
Tornando alla ciccia, forse dipenderà dal fatto che nell'aia delle nostre casa di campagna non può mai mancare, ma il pollo è tra le carni che cucino più spesso, soprattutto al forno e se possibile con le patate... :)
C'è però una parte che non amo particolarmente: il petto.
Certo, una volta cotto lo puoi usare per insalate o panini, però rimane sempre un pochino secco.
Generalmente mi piace comperare il pollo intero e quando lo divido, tendo a separare il petto per brodi o minestre, ma stavolta ho voluto provare una cosa nuova: cuocere il petto con la pelle sulla griglia e... non mi sono pentita, questo è sicuro :)


Petto di pollo alla piastra con verdure

Ingredienti:
2 petti di pollo con la pelle
1 avocado
2 pomodori
1/2 broccolo


Mettiamo una bistecchiera sul fuoco e quando sarà ben calda adagiamoci dalla parte della pelle il petto di pollo.


Tagliamo le cime del broccolo, laviamole e mettiamole a grigliare insieme al pollo.


Facciamo attenzione alla cottura della carne: di solito il petto di pollo intero deve essere girato due volte per lato per fare in modo che la carne risulti tenera e succosa. Se vogliamo essere pignoli, basterebbe infilare un termometro nel cuore della carne e vedere se la temperatura raggiunge i 60°-65°C.  In caso di dubbio tagliamo il petto e verifichiamo che la parte interna si tagli come fosse burro.
Mentre la carne e il broccolo cuociono, tagliamo l'avocado a metà e i pomodori a fette, disponiamoli su due piatti e aggiungiamo il resto delle verdure e la carne non appena cotti. Condiamo tutto con un filo d'olio e un pizzico di sale e...

Petto di pollo alla piastra con verdure


Bon Appétit!!
Share This:        
Read More

venerdì 24 luglio 2015

Pinzimonio

Fonte di refrigerio!

Pinzimonio
Pinzimonio

Non sono la prima a dirlo e nemmeno l'ultima, ma d'estate occorre mangiare molta più frutta e verdura! E oggi voglio spezzare una lancia a favore delle verdure crude.
In questi giorni di caldo bestiale, qualsiasi cosa preparassi per il pranzo non mi offriva alcun refrigerio, né le insalatone, né tanto meno le paste fredde, per non parlare delle torte salate... insomma, niente di niente.
Non sapevo più cosa preparare finché non ho avuto l'illuminazione e ovviamente è stato un caso :)
Avevo un cetriolo in frigo e, pensa che ti ripensa, mi è venuta in mente la soluzione: il pinzimonio. 
Con qualsiasi tipo di piatto cucinato, mangiare in contemporanea del pinzimonio riesce a dare quel quid in più lasciando la bocca fresca.
Perciò, ecco a voi il mio bel


Pinzimonio

Ingredienti:
2 carote
1 cuore di sedano
1/2 cetrioli
sale
pepe
olio evo


Peliamo le carote, tagliamole a metà e per ogni metà facciamone 6 spicchi.
Tagliamo le coste delicate del cuore del sedano.
Peliamo il cetriolo e facciamolo a spicchi.

Pinzimonio

Disponiamo tutte le verdure in una ciotola e portiamola a tavola insieme a un contenitore con un bel pizzico di sale, un po' di pepe e dell'olio, dove intingere le verdure.


Bon Appétit!!
Share This:        
Read More

giovedì 23 luglio 2015

Insalata di legumi e bacon

Senza dubbio è estate!!

Insalata di legumi e bacon
Insalata di legumi e bacon
Da che mi ricordo, non ho mai avuto una nottata problematica come quella appena trascorsa.
Un caldo insopportabile, la finestra della camera aperta ma aria completamente ferma... le ore contate praticamente tutte e quando alla fine l'aria esterna ha portato un po' di frescura, ecco che suona la sveglia. Mi alzo con la speranza di respirare un pochino d'aria, ma la sensazione è completamente opposta e la giornata non si preannuncia delle migliori.
Perché?
Perché se prima di andare a dormire metti a bagno dei legumi, poi la mattina seguente ti ritrovi a doverli cuocere (-_-)'
Quindi via alle danze!


Insalata di legumi e bacon

Ingredienti:
150g di fagioli rossi
100g di ceci
100g di lenticchie
100g di bacon
olive verdi
2 fogli d'insalata
succo di 1/2 limone
olio evo
salvia
sale
pepe


Dopo aver lasciato in ammollo i fagioli e i ceci, lessiamoli in due pentolini separati per il tempo necessario. Facciamo la stessa cosa con le lenticchie.
Quando saranno cotti, scoliamoli e lasciamoli raffreddare.
Nel frattempo, prendiamo il bacon, tagliamolo a dadini e facciamolo rosolare in una padella con un filo d'olio e una spolverata di salvia, in modo da accentuarne l'aroma.


In una ciotola abbastanza capiente versiamo i fagioli rossi,


i ceci,


le lenticchie


e il bacon. Condiamo con altra salvia, il sale, il pepe, l'olio e il succo di limone.


Aggiungiamo le olive verdi, mescoliamo e facciamo raffreddare in frigorifero fino al momento di servire.


Prendiamo una fetta d'insalata, mettiamola in una ciotola e aggiungiamo i legumi.
Ecco un bel piatto unico, fresco e delizioso :)

Bon Appétit!!
Share This:        
Read More